La grande delusione della Juventus: quando l’Udinese ha cancellato il bianconero

0
16

Un calciatore corre verso la bandierina del calcio d’angolo, con le braccia aperte, la testa alta e una faccia imperturbabile. Avvolto nella maglia blu, Paolo Poggi solca il prato verde del Delle Alpi, ignaro del fatto che il gol appena segnato cambierà la storia della sua squadra e degli avversari. È il 31 maggio 1999 e Juventus e Udinese si giocano uno spareggio che nessuno avrebbe voluto disputare, con la vittoria che porta alla Coppa Uefa e la sconfitta a un futuro nell’Intertoto.

Le due squadre condividono gli stessi colori ma vivono momenti completamente diversi. La Juventus sta attraversando un periodo difficile, con la stagione che sembra rispecchiare la Legge di Murphy: tutto ciò che può andare male, va male. Il punto più basso arriva il 7 febbraio, quando i bianconeri subiscono una sconfitta imbarazzante per 4-2 contro il Parma, davanti a 44mila spettatori attoniti. La situazione è complicata: la Juventus è nona in classifica, a 15 punti dalla capolista Fiorentina. Il tecnico Marcello Lippi è furioso e annuncia la sua partenza, facendo circolare i nomi dei possibili sostituti. La Juventus decide di anticipare l’arrivo di Carlo Ancelotti e, nonostante le incertezze iniziali, il nuovo allenatore prende il timone della squadra.

La squadra, però, continua a faticare e non riesce a ottenere i risultati sperati, finendo la stagione a pari punti con Udinese e Roma. Questo porta a uno spareggio tra Juventus e Udinese, con l’obiettivo di qualificarsi per la Coppa Uefa. Nella gara d’andata, giocata il 28 maggio, l’Udinese manca diverse occasioni ma la partita finisce 0-0. La gara di ritorno è un’impresa difficile per la Juventus, che deve fare a meno di diversi giocatori chiave.

Durante il match, l’attaccante Pippo Inzaghi sblocca la partita con un rigore controverso, ma l’Udinese riesce a pareggiare con un gol nel finale. Questo risultato estromette la Juventus dalla Coppa Uefa e la squadra si ritrova costretta a partecipare all’Intertoto, anche se c’è delusione da parte dei tifosi e dei dirigenti. La stagione successiva non porta miglioramenti, ma solo la vittoria dell’Intertoto e eliminazioni prematuramente in Coppa Italia e Coppa Uefa, parzialmente confermando le preoccupazioni espresse dagli addetti ai lavori nella stagione precedente. Quella del 1998-1999 è stata una delle stagioni più difficili degli anni Novanta per la Juventus.