Boom del mercato immobiliare: sale a 460 euro l’importo per il 2024, scopri cosa cambierà nel settore

0
24

Il governo ha annunciato il ritorno della Carta Dedicata per la spesa, che prevede una nuova ricarica che potrebbe iniziare a distribuire 460 euro all’anno a partire da questa primavera per coloro che hanno un Isee inferiore a 15.000 euro. Secondo fonti del ministero dell’Agricoltura, è stata espressa cautela riguardo al presunto meccanismo di ricarica da 80 euro ogni due mesi, che sembra riguardare solo la vecchia Carta Acquisti. Tuttavia, si attende il decreto attuativo congiunto con i ministeri dell’Economia e delle Imprese per ottenere maggiori dettagli.

Rispetto alla Carta Dedicata a te, la nuova Social Card, del valore di 480 euro, è destinata esclusivamente ai cittadini di età pari o superiore ai 65 anni e ai genitori di bambini di età inferiore ai tre anni, secondo specifici criteri Isee previsti per le diverse categorie. Questa nuova carta richiede un’apposita domanda per essere ritirata presso le poste.

Per quanto riguarda la distribuzione della carta, le Poste hanno ripreso a distribuire le card a queste persone, che sono state avvisate dai Comuni e hanno ricevuto 460 euro, più i 77 euro del bonus benzina introdotto a dicembre. Si è dato alle persone la possibilità di effettuare il primo acquisto entro il 31 gennaio, e coloro che hanno ricevuto solo l’integrazione del bonus benzina potranno spendere il resto entro il 15 marzo. È previsto che eventuali fondi non spesi a maggio possano essere utilizzati per ulteriori proroghe o aggiunti ai 600 milioni di euro stanziati per il 2024.

È possibile utilizzare i 77 euro aggiuntivi del bonus benzina per l’acquisto di carburante, trasporto pubblico locale o vari alimenti e bevande. È previsto che i nuovi 460 euro possano essere spendibili sia per la spesa che per il carburante e il trasporto pubblico locale, senza particolari limitazioni.

Per ottenere la Social Card è necessario avere un Isee inferiore a 15.000 euro, tuttavia, ci sono altre categorie di individui esclusi dai benefici e alcuni prodotti alimentari che non possono essere acquistati con la carta. La lista di prodotti consentiti include 23 voci, tra cui latte e derivati, uova, olio (di oliva e di semi), panetteria, pasticceria, biscotti, alimenti per la prima infanzia, ortaggi, conserve di pomodori, caffè, tè, e altri. È necessario verificare che l’esercizio commerciale convenzionato possa accettare la carta, inoltre, verrà applicato uno sconto del 15% sui prodotti..basicConfig.com/docs/basics/how-text-calculated/) in percentuale sulla carta primaria.