Inter, Mancini: “Icardi sarà il nostro cannoniere”

Roberto Mancini ha parlato in conferenza stampa di chi sicuramente scenderà in campo domani contro l'Udinese: "Handanovic in porta, poi giocheranno Miranda, Murillo, Telles e Ljajic".

0
96

mancini

Alla vigilia della sedicesima giornata di Serie A il campionato è ancora apertissimo. Infatti in soli 6 punti ci sono 5 squadre: Inter, Fiorentina, Napoli, Roma e Juventus.

L’allenatore dell’Inter, Roberto Mancini, è intervenuto in conferenza stampa prima della partita contro l’Udinese affrontando vari argomenti, comprese le polemiche su Icardi.

L’attaccante nerazzurro infatti è stato poco utilizzato negli ultimi incontri, ma l’allenatore non vede il problema: “Icardi è un titolare, perché su 15 partite ne ha giocate 13. Non vedo il problema, può capitare che stia in panchina come può capitare agli altri. Tutti sono titolari e tutti possono essere riserve pronte a cambiare la partita. Icardi sarà il nostro capocannoniere”, aggiungendo anche: “Non credo che Icardi vada recuperato, perché chi fa 13 partite su 15 non deve essere recuperato. I gol li farà, poi capiterà che torni in panchina ma farà 20 gol e sarà uno di quelli che ha giocato di più. Capita che chi fa gol possa attraversare un periodo di difficoltà, ma col Frosinone ha segnato una rete d’attaccante. Non credo abbia grandi problemi a parte il dispiacere per la panchina, ma succede a tutti. Non è un problema”.

Anche Perisic e Guarin hanno fatto più panchina del solito: “Perisic è un giocatore importante, abbiamo recuperato anche Biabiany e ora abbiamo più possibilità. Però Perisic è fondamentale per noi”, il tecnico poi prosegue anche su Guarin: “E’ un giocatore importante, a centrocampo siamo 4-5 e quindi qualcuno deve rimanere fuori. Guarin è un giocatore importante e non abbiamo alcuna intenzione di cederlo”.

Due esterni e due attaccanti, un modulo già utilizzato dal tecnico: “Abbiamo giocato così col Frosinone e col Genoa, c’erano in campo quattro giocatori offensivi”, Mancini ha poi parlato di chi sicuramente scenderà in campo: “Handanovic in porta, poi giocheranno Miranda, Murillo, Telles e Ljajic”.

Per vincere bisogna avere grinta: “Tutti, per vincere, devono sapere combattere in certi momenti. Anche se hai gente brava tecnicamente, se non lotti è difficile vincere spesso. E’ una qualità che serve.”