Fabio Capello: “L’ultima Juve mi fa paura, ha ritrovato la forza”

Fabio Capello è intervenuto a Radio anch'io lo sport e ha analizzato la situazione attuale del campionato di Serie A, parlando di Roma, Milan, Inter e Juve.

0
114

fabio capello

Fabio Capello è intervenuto a Radio anch’io lo sport e ha analizzato la situazione attuale del campionato di Serie A. Dopo la quindicesima giornata in appena 6 punti ci sono cinque squadre pronte a darsi battaglia per lo scudetto. Ci troviamo di fronte ad uno dei campionati più avvincenti degli ultimi anni, dove ognuna di queste squadre potrebbe vincere il titolo.

L’ex c.t. della Russia però si è soffermato sulla situazione poco felice di Roma e Milan, che hanno avuto una battuta d’arresto rispettivamente contro il Torino e il Carpi. Ha parlato poi anche della situazione dell’Inter e della Juventus, che invece attraversano un periodo positivo della stagione.

La Roma era la favorita, ma poi si è persa – “È partita bene, poi si è persa un po’. L’ambiente è un po’ difficile, ti ammalia, ti avvolge e ti addormenta. Quando abbiamo vinto lo scudetto ho lottato per sei mesi l’anno dopo, per sottolineare che dovevamo pensare a quello dell’anno successivo. Invece era tutta un’euforia, una festa continua. Io ero abituato alla Juve e al Milan dove vincendo non avevi fatto altro che il tuo dovere. Roma è una città meravigliosa, dove tutto è bellissimo. Devi estraniarti da questa bellezza e vivere il lavoro duramente”.

Il Milan non ha grande qualità nella sua rosa – “La squadra è titubante. Si dà da fare, corre, cerca la strada, ma non l’ha ancora trovata. Non ha grandissima qualità, lo si vede nelle partite. Va a strappi, a momenti, non riesce a imporre quel gioco che invece l’allenatore vede in allenamento, dove c’è meno tensione e quindi i giocatori sono più liberi di provare”.

L’Inter rimane una delle favorite, la Juve è in ripresa – “I nerazzurri li ho dati favoriti a inizio anno perché Mancini sa scegliere i giocatori e dare determinazione. Rispetto al mio Milan crea meno situazioni da gol ma diamogli tempo: quando c’è la solidità difensiva e a centrocampo c’è voglia, si può andare lontano. L’ultima Juve mi fa paura e fossi nelle altre starei attento. Ha ritrovato la forza della difesa e Dybala, per quello che sta facendo a quell’età e con una maglia pesante come quella della Juve, sta dimostrando grande personalità e grande qualità, sarà un giocatore importante a livello mondiale negli anni a venire”.

Fabio Capello parla del suo futuro – “Tornare sulla panchina gallorossa? Mai dire mai. Era favorita per lo scudetto, si è persa un po’. Al Milan? Sono troppo amico del presidente, la squadra ha poca qualità e in questo momento direi di no a un ritorno. E anche all’Italia. Non accetterò mai: delle Nazionali ne ho avuto abbastanza”.