IDC: non si arresta il calo dei tablet

Continua a preoccupare il futuro, sempre più incerto, per i tablet. Ecco i dati diffusi dall'International Data Corporation e relativi al 2015

0
86
tablet
Il mercato dei tablet è ancora in crisi.

Come noto, da tempo il mercato dei tablet è in crisi e, secondo le recenti previsioni rese note dall’IDC (International Data Corporation), ancora più in calo; addirittura registrando una flessione dell’8% con 211,3 milioni di unità consegnate nel corso del 2015. Dati aggiornati al quarto trimestre.

Il crollo già annunciato lo scorso anno, con l’ascesa dei phablet (smartphone con schermi di grandi dimensioni) e con la tendenza dei consumatori a conservare i propri modelli costosi di tablet, pare non arrestarsi.

A trarne vantaggio sembrano però le tavolette ibride, conosciute anche con il nome più tecnico detachable (termine inglese che sta per “smontabile”). Qualcuno forse ricorderà ancora il Trasformer, modello con cui Asus portò nel mainstream questo tipo di formato nell’ormai non troppo vicino 2011. Ebbene, a distanza di quasi 5 anni, questa sottocategoria, alla quale Microsoft ha puntato tanto con il suo Surface Pro, sembra destinata a mantenere in vita l’intero settore dei tablet e, sempre secondo IDC, portare ad un volume degli affari del 75% per il 2016.

Rimane da chiedersi che ripercussioni avranno questi cambi di tendenze sul mercato dei Notebook e se i detachable potranno sostituirne l’uso in ambito domestico e business.