Queen: Bohemian Rhapsody compie 40 anni

Uno dei pezzi rock più belli rappresenta anche un mistero irrisolto della musica mondiale.

0
178
Queen
Bohemian Rhapsody, uno dei capolavori musicali dei Queen, compie 40 anni.

Bohemian Rhapsody, uno dei pezzi più toccanti dei Queen, compie 40 anni. Il brano fu infatti composto il 31 ottobre del 1975.

“È questa la vita vera? O è solo fantasia?”. È il quesito che il quartetto dei Queen si è fatto all’inizio di Bohemian Rhapsody, uno dei brani musicali più ammirati della storia. Il testo vide la luce il 31 ottobre del 1975 e ancora oggi è ricco di misteri irrisolti, con numerose persone che ancora non hanno capito fino in fondo il suo vero significato.

 

Le registrazioni di uno dei più grandi successi dei Queen si aprirono il 24 agosto dello stesso anno, con Freddie Mercury che aggiunse alla canzone la ballata iniziale. Sei settimane servirono alla band per curare ogni minimo dettaglio e creare un pezzo diverso dal solito, pieno di sperimentazioni. Il pezzo fu contenuto nel disco A night at the Opera, uno dei più costosi e venduti della storia della musica. Tutto inizia con un pezzo al pianoforte, lo stesso suonato da Paul McCartney in Hey Jude. Quindi, il brano va avanti con una ballata, un assolo di chitarra, un pezzo di opera, hard rock e una parte conclusiva di nuovo in ballata. Tra Galileo, Fandango, Bismillah e Scaramouche.

Ma Bohemian Rhapsody rappresenta uno dei segreti inviolabili di Mercury. Nemmeno Brian MayRoger Taylor John Deacon hanno intenzione di svelare questo mistero, o forse non conoscono neanche loro la soluzione. Un vero e proprio puzzle musicale quasi impossibile da creare, che Freddie riuscì ad assemblare con grande sapienza. Il singolo fu in vetta alle classifiche al momento della sua uscita e nel 1992 in seguito alla morte di Freddie a causa dell’AIDS. In tutto il mondo, sono state vendute ben sei milioni di copie del pezzo.

Ma torniamo al significato del vero capolavoro dei Queen. Brian May ha affermato che in Bohemian Rhapsody Mercury ha raccontato buona parte della sua infanzia turbolenta e che ha proposto alcune rime senza senso. La biografa del compianto Freddie, Lesley-Ann Jones, ritiene che il brano dichiari pubblicamente la sua omosessualità anche grazie ad alcuni versi piuttosto forti, come I just killed a man (Ho appena ucciso un uomo). Ci sono retroscena interessanti anche alla durata record del brano, poco meno di sei minuti. Roger Taylor ha riferito che le case discografiche avevano intenzione di tagliarlo, ma il quartetto aveva rifiutato per non snaturarlo.

Il video di Bohemian Rhapsody fu uno dei primi a scopo promozionale della storia della musica, dopo gli albori dei Beatles e il pezzo Waterloo della band svedese degli Abba. La canzone è stata la prima dei Queen a raggiungere la tanto ambita Top Ten negli USA, restando in vetta per ben nove settimane. Il Regno Unito l’ha eletta nel 2000 come canzone del secolo, mentre nel 2008 è stata decretata come la canzone più bella di sempre. Dopo quaranta anni, il pezzo fa ancora parlare di sé.