Inter, prime immagini e dichiarazioni di Felipe Melo

"Combatterò sul campo", promette il mediano brasiliano

0
394
Felipe Melo con la maglia nerazzurra dell'Inter
Felipe Melo con la maglia nerazzurra dell’Inter

E’ giornata di dichiarazioni, quella odierna, da parte degli ultimissimi arrivati in Serie A dopo le trattative dell’ultimo minuto di ieri. Nell’ultima giornata di calciomercato è l’Inter la regina: il club nerazzurro ha infatti messo a segno tre colpi, portando in maglia nerazzurra Ljajic, Telles e Felipe Melo. Proprio quest’ultimo era obiettivo di Thohir e Mancini, con il presidente dell’Inter che progettava di acquistare il centrocampista brasiliano in chiusura di mercato.

Ed ecco arrivare, dunque, le prime dichiarazioni del mediano, accompagnate anche dai primi scatti con indosso i colori nerazzurri: “Sono molto felice, anche per la mia famiglia, si parla di Inter non da mesi, ma da anni, è un sogno che c’è da tempo e sono felice di essere qui, ringrazio Dio per questo momento. Mancini? Abbiamo vinto insieme al Galatasaray, è uno che vince sempre, lavorare con tecnico così esperto fa piacere. Non sono il preferito di nessuno, mi piace vincere e farlo in un club come l’Inter è il sogno di ogni giocatore. Una promessa? Lavorare tantissimo, non mollare mai. Io non sono sempre al 100% tecnicamente, ma correre per i compagni e lavorare duramente è la mia forza. Sono sicuro che i tifosi mi saranno vicini, combatterò sul campo, perché è il mio forte“.

Il patron interista ha espresso a sua volta parole di apprezzamento per il suo neo acquisto:   “La grande tenacia e forza fisica che caratterizzano Melo sono convinto possano rendere il nostro centrocampo ancor più competitivo. Roberto Mancini lo conosce molto bene e saprà valorizzarne le qualità tecniche, la comprovata esperienza e lo spiccato spirito combattivo

L’inter e Mancini volano sulle ali dell’entusiasmo dopo aver fatto bottino pieno nelle prime due partite in campionato, anche se soffrendo molto contro Atalanta e Carpi. I tre innesti faranno tornare il club alla gloria e, soprattutto, i tifosi a sorridere?