La vedova di Steve Jobs costruirà la casa dei sogni di Silicon Valley

Finalmente i progetti di Steve Jobs possono essere realizzati.

0
77
casa
Il progetto della casa

Laurene Powell Jobs, la vedova di Steve Jobs, sta per portare a termine i progetti del marito. Dopo anni di lunghe battaglie legali, la casa dei sogni di Silicon Valley inizierà ad essere costruita. La donna, infatti, otterrà quasi sicuramente i permessi necessari per l’edificazione della villa a Wooside.

Una casa che non s’ha da fare

Lo stesso Steve Jobs ha condotto un’agguerrita battaglia legale con i gruppi di preservazione locale. Gli scontri sono durati sette anni, ma poi si sono interrotti per via della sua morte. Adesso, però, la moglie può finalmente portare a termina i suoi piani e costruire una nuova casa sul vecchio territorio. Fu proprio questo, infatti, il motivo di scontro principale tra le due fazioni. La villa di Steve Jobs sarebbe dovuta sorgere al posto della Jackling House, una mansione storica della California. L’uomo aveva acquistato la proprietà nel 1984, ma soltanto nel 2011 l’aveva completamente demolita per creare un nuovo spazio. Questo terreno gli sarebbe servito per costruire una villa di 15,689 metri quadri per la sua famiglia.

I particolari della casa

Un appartamento così grande non è progettato, naturalmente, soltanto dal punto di vista interno. Il punto forte della nuova abitazione sarà il giardino esterno, con il suo lato dedicato alla coltivazione e all’agricoltura. L’obiettivo della vedova di Steve Jobs, infatti, è quello di costruire una sontuosa residenza in cui ci siano molte aree verdi. In questo modo si potranno far crescere degli ulivi per fare l’olio, dei vigneti per il vino e perfino una piccola fattoria per del cibo più sano. Oltre agli appartamenti principali, inoltre, ci saranno anche una palestra per lo yoga, una piscina, una sauna e due appartamenti esterni per gli ospiti.