Zika: è allarme anche in Italia dopo i 4 casi segnalati

Il virus Zika sta mettendo in allarme molti Paesi del mondo. Il rischio inizia a diventare anche in Europa. In Italia sono già stati contagiate quattro persone, ma potremmo essere soltanto all'inizio.

0
44
Zika
Nell’immagine si può notare la zanzara Aedes Aegypti, una specie che diffonde facilmente il virus

Zika come Ebola. Il virus che si sta diffondendo a macchia d’olio nell’America Latina richiama alla nostra mente il pericoloso virus che ha terrorizzato il mondo fino a qualche settimana fa. Ora è la volta di Zika, il virus che ha spinto il Brasile a fronteggiare questa situazione con l’esercito. Anche in Italia ora è stato dato l’allarme dopo i 4 casi registrati di persone infette.

Zika: rischio elevato per il nostro Paese

Il rischio per il nostro Paese di incappare in una pandemia di livelli più o meno alti è abbastanza alto. Nella nostra Penisola, il virus Zika è approdato grazie ai numerosi scambi di turisti che coesiste fra l’Italia e il Brasile (uno dei paesi con una maggiore incidenza di persone infette dal virus). Questo virus è uno dei più trasmissibili al mondo.

Infatti basta semplicemente essere punti da una zanzara per essere infettati. Addirittura, se una persona è portatrice del virus e viene punta da una zanzara in grado di trasmetterlo (fino a questo momento la specie portatrice di questo virus è la zanzara Aedes Aegypty) l’insetto diventa anch’esso infetto e trasmetterà il virus a tutti coloro che pungerà.

Capiamo molto bene, dunque, come sia alta il rischio di diffusione di Zika. Quali sono esattamente i sintomi del contagio? Il Dott. Antonio Chirianni, presidente della Società Italiana delle Malattie Infettive e Tropicali, (Simit) ha reso noto che in un quarto dei casi la malattia si presenta in maniera asintomatica. Nella restante parte dei casi, invece, la sintomatologia è evidente ma comunque abbastanza lieve. Si presenta con febbre, congiuntivite ed eruzioni cutanee. Al momento, purtroppo, non esistono trattamenti antivirali specifici per il virus Zika.