Coppa Italia, Allegri: “contro il Torino spazio a Neto e Rugani”

Gli ottavi di finale di Coppa Italia vedranno domani la Juventus impegnata contro il Torino. Il mister Massimiliano Allegri: "domani giocano Neto e Rugani. Vedrò come stanno Bonucci, Barzagli e Chiellini. "

0
121

allegri

Negli ottavi di Coppa Italia la Juventus affronterà  il Torino, una partita quindi che si preannuncia ricca di emozioni e dall’esito tutt’altro che scontato. In conferenza stampa è intervenuto Massimiliano Allegri, parlando della possibile formazione che scenderà domani in campo e rispondendo alle varie domande dei giornalisti.

Il punto sugli infortunati: “Marchisio è stato abbastanza fermo e non ha giocato tantissime partite e poi più gioca, più entra in condizione. Hernanes ha fatto quasi tutto con la squadra. E’ pienamente recuperato e vedremo se è disponibile o se fargli fare un lavoro supplementare per il match di Carpi. Lemina è andato a farsi vedere a Barcellona per i tendini rotulei. Pereyra riprenderà l’anno prossimo. Asamoh ha il solito problema al ginocchio. DOpo che fa una partita, ha delle problematiche e non si può forzare. Quindi va gestito e la sua condizioen va verificata di volta in volta”

Domani ci sarà spazio anche per Rugani, il giovane difensore non aveva ancora mai giocato in una partita ufficiale: “Domani giocano Neto e Rugani. Vedrò come stanno Bonucci, Barzagli e Chiellini. Vedrò se farne riposare uno o due. Da questo dipenderà poi che formazione giocherà. Rugani può giocare sia a centro-sinistra che a centro-destra. E’ migliorato molto”

In attacco probabile un turno di riposo per Dybala: “Domani potrebbe riposare Dybala, che ha giocato molto. Poi giocheranno due tra Zaza, Mandzukic e Morata. Tutta la squadra comunque sta attraversando un buon periodo. Il campionato finisc eil 16 maggio e da gennaio in poi bisogna farsi trovare nelle migliori condizioni fisiche. Morata e Zaza possono giocare insieme comunque”

Il derby è sempre una partita difficile: “Sarà un derby difficile e complicato in un ottavo di finale. Loro come noi tengono molto a questa partita. Entrambie le squadre sono in una buona condizione psicologica, ma le partite secche sono diverse da quelle di campionato. Il Toro è una squadra che ti fa giocare male e non ti aggredisce e dovremo essere bravi a interpretare bene il match. Sarebbe importante vincere due Coppe Italia di seguito. Alla Juventus non accade dal ’59/’60”.

Cuadrado è in crescita: “Ha fatto bene come tutta la squadra. Bisogna sapersi sacrificare sia in fase difensiva, sia offensiva. Se non giocherà da subito, sarà un cambio importante. Domani potrebbero esserci anche i supplementari…”

Il Torino non ha giocato in campionato ed è più fresco:
 “Se sarà un vantaggio lo vedremo a fine partita… Bisogna accettare le decisioni senza polemiche. C’era la nebbia e non potevano giocare…”